La Befana racconta...


So per certo che la sera del 5 Gennaio voi ve ne andate a nanna presto, sperando di alzarvi al mattino e di trovare la calza piena di dolci, le bissòle e qualche altro dono.

Giustissimo, ma anch'io chiedo la mia parte, dunque, per farmi contenta, lasciate sulla tavola in cucina qualcosa per rifocillarmi durante il mio lungo viaggio.

Non pretendo molto, mi basta una bella scodella di caffelatte, pane biscotto, mandarini, bagigi e magari una bissòlina.


Sapete, bambini, vi svelo un segreto: io non potrei fare tutto da sola!

Essere la Befana è un lavoro duro e a tempo pieno: riempire le calze, leggere le vostre deliziose letterine, portare il carbone, pelare i mandarini, sgranocchiare i bagigi...

Meno male che ho due preziosi aiutanti, il Mago della Frulla e il Salvanelo.

Ve li presento.

 

 

Io sono una miniera di storie, favole e filastrocche, sono sicura che vi piace sentirle raccontare.

Bene, eccovi accontentati!

 

Giovanin senza paura


El galo Castaldo e i so amici


El Vento e Toni Scarparo


I Sette Capretti

 

Tutti, adesso, conoscete il mio insostituibile aiutante, il Mago della Frulla, meglio noto come Mago Frullatore, e sono anche certa che vi piacerà ascoltarlo: anche lui ha una storiella da raccontarvi.